domenica 26 aprile 2009

La ricamatrice

Era tantissimo tempo che cercavo un'articolo letto su un giornale femminile, tentissimo tempo fa, che spiega la bellezza e il senso che il ricamare ha per una donna...forse anche per un uomo se ne avesse la pazienza. Ieri facendo ordine tra le mie carte ho trovato il ritaglio di giornale in questione: a dire il vero è le risposta di uno psicologo (Raffele Morelli) alla domanda di una lettrice che attraverso il ricamo era riuscita ad emergere da un periodo di lutto e depressione, la signora si domandava se questo suo passatempo non finisse per essere un modo di sfuggire al mondo.
La risposta è capolavoro ne riporto solo alcuni stralci perchè sarebbe troppo lunga:
"...in ognuno di noi esiste una dimensione in cui il tempo si annulla e siamo totalmente presenti nell'azione che stiamo compiendo, proprio come accade a te quando ricami... è la dimensione dell'essenziale. Una donna che ricama, ricama oggi come sempre. Possiamo immaginare Elena che ricamava, Penelope che ricamava...e improvvisamente senza saperlo, entrando in questo spazio che attraversa tutti i secoli, tu sei tutte le donne. Non sei più niente eppure sei tutto. Come una cellula fecondata che senza saperlo, crea la vita. Ecco perhè quello che fai... è l'essenza della vera meditazione... si tratta di essere profondamente assorbiti dall'azione e di essere consapevoli anche del più piccolo dei nostri gesti. Allora, senza accorgercene diventiamo profondi, siamo incantati... Ricamare è un gesto lieve e dolce, questa è la sua bellezza. E' come dire una preghiera...in te, quando prendi in mano ago e filo, la vita va intessendo la sua trama..."
Volevo poi fare gli auguri di Buon Compleanno a mia sorella Laura, la madre dei miei nipoti, la donna decisa e tenera, fragile a volte, che è diventata :quando io mi ricordo ancora il giorno in cui è nata e quando l'ho tenuta in braccio la prima volta...quando l'ho vista gia' bella allora!
Buon compleanno sorella, buona vita
Mariagiovanna.

8 commenti:

verderame ha detto...

io che sono figlia unica, leggendo un così dolce augurio di buon compleanno, vorrei tanto una sorella come te, ciao Marina

Patty ha detto...

Bellissimo quell'articolo ma soprattutto le parole che dedichi a tua sorella. Mi chiedevi del raduno, semplicemente e' un'incontro che, si fa 2 volte l'anno e unisce tutte donne che condividono la stessa passione.
P.s. avevo postato la 2a tappa del sal all season se magari vuoi prenderti la foto ,oggi faro' anche la foto del sal lhn home of.....

Manuela ha detto...

Ciao cara, finalmente con un attimo di pace riesco a leggere questo bellissimo post e soprattutto del compleanno di Laura. Tu hai la fortuna di avere 2 sorelle meravigliose e tutte e 3 insieme siete fantastiche perchè siete diversissime l'una dall'altra, ma anche molto simili ed il filo d'unione è la mamma, una mamma veramente unica!!! Un caro abbraccio dal 4° moschettiere :)
Manuela

carmen ha detto...

Tutto verissimo. Questo "gesto lieve e dolce" poi ci ha fatto diventare tutte amiche... un motivo in più per adorarlo, no?
Un abbraccio
Carmen

uaua26 ha detto...

eccomi, sono laura... non hai bisogno che te lo scriva, lo sai.
grazie amore mio!!!

fataltimone ha detto...

Morelli non mi stava tanto simpatico, forse per tutte le apparizioni tv che ormai avevano annoiato, ma questo articolo da lui scritto è bellissimo. grazie per avercelo fatto leggere.

ANNALIZARD ha detto...

Ciao!
Non mi conosci:sono amica di Manu e ti ho scoperto appunto tramite il suo blog.Confermo cio' che hai scritto:anche io ho utilizzato come "terapia" il ricamo e tutt'ora mi salva dallo stress. Adoro quel quadro di Veermer (ne ho fatto anche un puzzle). Bellissime foto della mia stupenda regione!
Piacere di averti conosciuto,
Annalisa

Elisabetta ha detto...

Bellissimo post davvero, delle volte penso che mi potrebbero togliere tutto tranne il ricamo è una vera necessità mi rilassa mi distende quando metto a letto le bimbe la sera è il mio momento torno ad essere in pace con il mondo dopo la giornata pesante tutto torna a posto..sono contenta di poter condividere questa gioia e queste sensazioni.