domenica 13 maggio 2012

Sabato mattina...

 Adoro il sabato mattina  quando le strade sono quasi deserte e ti sembra di avere la città ai tuoi piedi, ancora sonnachiosa prima che l'orda per la spesa settimanale invada le strade...
Camminare per i caruggi del centro storico mi incanta e mi incantano le scoperte di nuovi negozi, dei profumi (anche se non tutti gradevoli), dei colori fino a giungere al Porto Antico ed al mare  in questo periodo in cui la temperatura si è alzata ,ma non troppo, rendendo l'aria tiepida e i colori ancora vividi e non sfocati dalla calura estiva.
Ed è con questo spirito che ieri io e mia madre ci siamo aggirate, come due api operaie, per il centro cercando di svolgere il più velocemente possibile le nostre commissioni (posta e  lavanderia) prima di inoltrarci nel dedalo di viuzze che da San Lorenzo porta al Porto... 
Verso l'una sfinite e piene di pacchetti abbiamo deciso di mangiare in un ristorante situato in  Piazza Valoria una piazzeta cui si arriva svoltato l'angolo di Via San Lorenzo, questo posticino è stato una scoperta di mia sorella Chiara che è una "pioniera" nella ricerca di ristorantini e ritrovi caratteristici: lei và in avanscoperta e poi ci mette a parte dei gioiellini scovati: "La Cucina di Giuditta" è uno di questi.
Il menù è molto particolare perchè si basa sul metodo Kousmine : "migliorare la salute attraverso il cibo...l'alimentazione come forma di prevenzione e cura dell'organismo inteso come sistema che comprende mente e corpo".  Questo implica in primo luogo l'uso di materie prime biologiche e di una ricerca dell'equilibrio nell'uso dei cibi, del loro valore nutrizionale, del gusto che non deve mancare perchè mangiare è comunque un piacere e deve essere gratificante ma allo stesso tempo sano.
La prima volta che siamo andate con Chiara ero scettica: un ristorante vegeteriano che  non usa grassi di origine animale e non uova pensavo che non avrebbe potuto appagarmi, io sostengo a spada tratta la cucina tradizionale e la carne mi piace...mi sono ricreduta perchè la loro insalata russa con la maionese senza uova è buonissima, perchè mi sono alzata da tavola dopo aver gustato il piatto vegeteriano del giorno sentendomi sazia ma non appesantita.
Oltre a leggere l'interessante sito de "La cucina di Giuditta" www.lacucinadigiuditta.it sono andata a curiosare nel sito www.kousmine.eu, cui si può accedere dal sito di Giuditta, e ho letto quello che è il pensiero alla base di un certo tipo di cucina cioè l'idea che l'essere umano vada curato nella sua interezza preservando l'equilibrio psico-fisico attraverso l'alimentazione, l'esercizio fisico, la ricerca di una serenità mentale.
La Dott.ssa Kousmine era un medico svizzero che nella sua esperienza di medico e ricercatrice riteneva fondamentale la prevenzione e "il rispetto della totalità umana" senza negare l'importanza delle scoperte terapeutiche della medicina moderna. Ha sottolineato l'importanza del rapporto tra alimentazione e salute, una giusta alimentazione può innalzare le difese immunitarie e aiutare il fisico anche in caso di malattia.
Morale : io ho mangiato bene e sano e anche se non mi convertirò  del tutto alla cultura vegetariana vale la pena conoscere, comprendere e aprirsi a nuove possibilità.
Mery

2 commenti:

bilibina ha detto...

Ciao Meri, conosco il metodo Kousmine avendo letto alcuni libri sull'argomento e devo dire che è stata una pioniera nel campo dell'alimentazione naturale sia per prevenire ma anche per curare patologie già conclamate..grazie per averla ricordata!
A presto
Carmen

Paoletta ha detto...

interessantissimo il tuo post, non conoscevo il metodo kousmine, grazie, mi hai insegnato una nuova cosa!