sabato 8 maggio 2010

Cucina e primavera

...be' che si possa proprio parlare di primavera nonostante il maggio inoltrato mi pare un pò eccessivo: considerato che ho acceso il riscaldamento anche solo per combattere un pò l'umidità di questi giorni!
Comunque dal fruttivendolo la bella stagione è arrivata eccome e io in questo momento vorrei avere le capacità di un poeta per celebrare la meravigliosa dolcezza delle fragole, circa due chili, che in questo momento si stanno liquefacendo nella pentola sul fuoco spandendo per la casa un profumo dolcissimo: marmellata in arrivo!!!

Ieri ho poi voluto sperimentare una ricetta famosissima e facilissima: la torta di rose... l'aspetto non è male?! La ricetta me l'ha passata mia sorella...la vecchia!:)

Torta di rose
Ingredienti per la pasta
350 gr. farina 00
150 gr. di latte
20 gr. zucchero
30 gr. olio (un cucchiaio da cucina abbondante)
3 tuorli d'uovo
1 scorza di limone grattugiato
1 pizzico di sale
1 cubetto di lievito di birra

Ingredienti per la farcitura
150 gr. di burro
150 gr. di zucchero

Sciogliere il lievito nel latte con lo zucchero, impastare la farina setacciata con il latte, aggiungervi le uova sbattute, il sale, il limone grattuggiato e infine l'olio. Lavorare l'impasto per almeno dieci minuti, lasciare riposare la pasta 1 ora circa.
Nel frattempo lavorare lo zucchero con il burro, stendere la pasta lievitata su carta forno dandogli la forma rettangolare, spalmare la crema di burro e zucchero e arrotolare la pasta su se stessa per il lato lungo. Tagliare delle rondelle di circa 4 cm. che andranno poste in una tortiera, imburrata e infarinata, ad un certa distanza tra di loro: far riposare per una mezz'ora in modo che le rotelle crescendo finiscano per unirsi ed infornare a forno preriscaldato 180° per circa 40 minuti.
Era buona, ma la prossima volta voglio provare la variante con la crema pasticcera al posto del burro.

1 commento:

Manuela ha detto...

per la marmellata ci sto!!! la voglio anche io, un mini barattolino, ma sento già il profumo, con Gigio piccolo ... impossibile farla ...
notte zia Mary ...